ExpatClic Forums: c'e' nessuna in India? - ExpatClic Forums

Jump to content

  • 2 Pages +
  • 1
  • 2
  • You cannot start a new topic
  • You cannot reply to this topic

c'e' nessuna in India? tra pochissimo... New Delhi

#31 User is offline   Silviaex 

  • Senior member
  • PipPipPip
  • Group: Members
  • Posts: 2,197
  • Joined: 06-December 06
  • Gender:Female
  • Location:Berlin, Germany
  • F/M:Female

Posted 04 May 2008 - 08:50 AM

Ciao Andrea,

eccomi qua, sono Silvia... namaste! tongue.gif

Dunque, sto leggendo da un mese Tiziano Terzani e devo dire che alcune sue parole e pensieri sull' India sono davvero folgoranti nella loro semplicita'. L'India e' il paese degli estremi, ricordalo... dove si puo' decidere di vivere con pochissimo o con moltissimo, dipende da come ciascuno si sente... La cosa bella e' che poi li' nessuno ti giudichera' nelle tue scelte e questo aiuta, soprattutto noi occidentali che fatichiamo un po' a trovare un nostro modus vivendi in quegli spazi, rumori, casini, odori etc...

Quindi, Ahmedabad va bene come Delhi o Mumbai, dipendera' poi da voi. Se la comunita' internazionale fosse ridotta, beh, sai, a volte e' anche un bene! tongue.gif nel senso che conoscere gli indiani locali puo' aiutare molto di piu' ad inserirsi meglio, a , capire il perche' e le ragioni di certe scelte e di certi comportamenti sociali e religiosi che a prima vista ci spiazzano e ci frastornano. Ed e' utile anche e soprattutto se si vuole lavorare, per capire certe dinamiche, anche di relazioni di potere, maschile/femminile etc.

Ma dicci qualcosina in piu', cosa vorreste fare esattamente ad Ahmedabad, qual'e' la molla che vi spinge...?

Quando all'arrivare insieme o no... Uhm, sapete che non so.. Ho avuto entrambe le esperienze e devo dire che mi e' piaciuto arrivare invece a Skopje insieme, lo stesso giorno (anche se con due voli e provenienze diverse...). Mi e' piaciuto scoprire la citta' insieme, sono momenti di bounding molto forti a cui non credo vorro' piu' rinunciare. Nei quali e' pero' ovviamente richiesto molto sangue freddo, spirito di autonomia e di adattamento, anche nelle cose piu' piccine perche' e' evidente che nessuno puo' pensare di diventare un 'peso' per l'altro... no? wink.gif

Quindi, giudicate voi... Se tua moglie pensa che vuole scoprire l'India con te da subito, well... why not? parla l'inglese? questa dell'inglese e' spesso un'ottima occupazione durante la giornata e poi aiuta ad avere un progetto proprio...
Se invece preferisce arrivare quando tu ha gia' spianato alcune questioni, beh, va bene anche cosi'...

Magari ci contatta lei stessa, che ne dici?

Spero di avere presto tue/sue notizie... sorcerer.gif

Silviaexpat
Redazione di Expatclic.com
silviaexpat@expatclic.com

Personal blog: http://silviadelogu.wordpress.com
1992-93: Siria / 1995-98: Pakistan / 1998-99: India / 1999-00: Germany / 2000-02: Armenia / 2002-05: Pakistan / 2006-2008: Macedonia / 2009: Sudan / 2010: Tanzania / 2011: Berlin, Germany
Sostieni Expatclic
Visita il nostro Sportello Espatrio!
0

#32 User is offline   malindi 

  • New entry
  • Pip
  • Group: Members
  • Posts: 9
  • Joined: 08-June 08
  • Gender:Female
  • Location:mumbai
  • F/M:Female

Posted 08 June 2008 - 12:14 PM

anche io sto per trasferirimi in India a Mumbai per la precisione che sarà la mia nuova "casa" per un minimo di due anni.....sono così spaventata......e si che adesso vivo in Arabia saudita che non è facile lo stesso... non so perchè l'India però mi ha sempre fatto paura.... ho sempre cercato di evitare di andarci anche solo per vacanza...e il destino invece ha deciso in modo diverso.....ho paura di tutta quella folla immensa che ci vive, ho paura di non riuscire a convivere con tutta quella povera gente che non riuscirò mai ad aiutare, io con la mia condizione di privilegiata, bella casa, autista, cameriera di sicuro, ho paura di non essere all'altezza della situazione....
Un posto spaventoso dove la gente muore di fame è l'affitto medio per un expat come noi è di 6/7 mila EURO AL MESE......un posto spaventoso dove ti dicono di non dare soldi ai bambini, di non fare la carità perchè non serve a nulla, dove ti dicono... tanto poi ci fai l'abitudine.... mamma mia ma come si fa?????
ce la metterò tutta, non mi sono mai tirata indietro davanti a nessuna difficoltà ma credete.... non sarà facile....
per favore... a chi ne sa qualcosa di mumbai.......si accettano (con immensa gratitudine) consigli, diritte, indirizzi.....piuttosto per la ragazza che sogna il viaggio in treno.... come invidio (in senso buono) la tua positività.... a proposito se il tuo treno si ferma a mumbai, da metà ottobre... ti prego passa a trovarmi, mi trovi al consolato italiano..........ciao a tutti
0

#33 User is offline   Claudiaexpat 

  • Senior member
  • PipPipPip
  • Group: Administrators
  • Posts: 6,906
  • Joined: 10-March 04
  • Gender:Female
  • F/M:Female

Posted 08 June 2008 - 05:30 PM

Ciao Elena,
io non sono mai stata in India, ma ho vissuto, come molte di noi credo, tutte le problematiche di cui parli rispetto alla povertà e alla folla di bambini che chiedono l'elemosina, perchè ho trascorso molti anni in vari paesi d'Africa dove la situazione è forse numericamente meno appariscente di quella dell'India, ma altrettanto tragica.

Non è facile, questo è sicuro unsure.gif

Però io ho maturato qualche riflessione, da queste mie esperienze, e sono felice di condividerle con te, se ti può aiutare a meglio affrontare questo tuo nuovo pezzetto di vita.

Innnanzitutto io credo che pur percependo stipendi da sogno rispetto alla realtà locale, e pur potendosi permettere di vivere in condizioni altamente privilegiate, è sempre buona regola cercare di essere il più possibile parchi ed evitare sfoggi inutili. E questo sia per se stessi che per rispetto al paese. Ho conosciuto gente che magari andava a lavorare in ambito umanitario e si affittava una villa da mille e una notte, con piscina, effetti luce e giardini che sembravano parchi. Ecco, magari evitarsi questi sfoggi e limitarsi a una casa più semplice può già aiutare in partenza.
Non cedere alla "pressione" che ti circonda, e se pensi di non aver bisogno di un autista, non prenderlo. Anche a me ha sempre fatto impressione lo spreco di personale, che spesso la gente giustifica col "gli dò lavoro" - questa non è mai stata una scusa per me. Non abbiamo certo la pretesa di cambiare l'equilibrio economico dei paesi in cui viviamo, impiegando una o due persone in più, e magari un modo di aiutare le persone che ci ospitano è anche quello di far vedere che la smettiamo di andare nei loro paesi a vivere come nababbi, ma che lo facciamo con un altro spirito. Quindi impiega le persone che hai bisogno per mantenere un livello di vita a te consono e per rispondere alle tue esigenze, senza sprechi e sfarzi.
Nello stile di vita che fai, non perdere mai di vista la realtà del posto. Questo non vuol dire farsi ossessionare e non andare al ristorante a farti una bella mangiata, ma spesso ripetersi che tu ti stai permettendo una cosa che la gente che ti circonda non potrebbe permettersi neanche se lavorasse tre anni di fila, aiuta te a non perdere di vista la realtà delle cose, e questo si rifletterà nel tuo modo di fare con il paese che ti ospita e con la gente che ti circonda. Eviterai di lasciarti andare a sprechi, e comincerai a sentirti più solidale e in sintonia con la gente del posto, giuro che è un esercizio che funziona, sicuramente anche altre che hanno vissuto la stessa esperienza te lo possono confermare.

Rispetto all'assistere di persona alla miseria e alla disperazione: io sono felicissima, e ti giuro che non tornerei mai indietro, del fatto che i miei figli siano cresciuti a contatto con la miseria. Soprattutto il primo, che ha vissuto in Guinea Bissau i primi due anni e mezzo della sua vita, e giocava con i bambini di strada, che smettevano di vendere le focaccette per intrattenersi con lui sulla veranda di casa nostra. Sono convinta che da qualche parte questi ricordi gli restano o l'hanno comunque formato, e ne sono orgogliosa, perchè questo è il mondo che abbiamo, con le sue ingiustizie e le sue disparità, e il fatto di non vederlo non vuol dire che non esista. Sono dell'idea che sia molto meglio farsi lo stomaco assistendo a come stanno realmente le cose, che evitarsi di guardarle. Questo ovviamente se la vita ti mette di fronte all'occasione, eh, non dico che dobbiamo diventare tutte samaritane e correre nei paesi poveri, intendiamoci rolleyes.gif

Rispetto alla carità ai bambini, anche qui non basterebbe un topic intero per analizzare la faccenda. Conosco persone che sono ferree nel non dare mai neanche un centesimo, altre che danno solo cose da mangiare o materiale scolastico, altre che danno soldi, insomma, c'è un po' di tutto in giro. Io onestamente in tutti questi anni in paesi disagiati non mi sono formata una posizione fissa perchè secondo me questo è un campo minato. In generale non dò soldi ai bambini ai semafori, quantomeno qui in Perù perchè so la situazione che hanno dietro, cioè di sfruttamento da parte delle famiglie che addirittura li affittano per mendicare, e se evitando di dare una moneta posso partecipare a non perpetrare questa cosa, lo faccio (anche se poi il problema non è lì, ma nel mondo intero che è al rovescio, e quindi andrebbe risolto..... il mondo smile.gif ). Però ci sono volte in cui invece mi sento di entrare in contatto con questi bambini, e allora magari ci chiacchiero un attimo, o se vendono qualcosa glielo compro, o magari mi dico "ma cosa me ne importa !!!! Gli dò cinque soles e li faccio contenti!!!" e sono felice di farli contenti per quel fugace momento..... insomma, tutto questo per dirti che secondo me devi affrontare la cosa senza ossessionarti, serenamente, e vedere un po' di volta in volta come ti viene da reagire.

Ci sono poi degli aspetti pratici a cui bisogna comunque fare attenzione. Non so come sia in India, ma in alcuni posti d'Africa spesso vengono a bussare alla porta e ti chiedono le cose più svariate, soldi, cibo, vestiti usati, giornali vecchi, etc. Beh, può capitare (e mi è capitato) che se dai qualcosa, la voce si sparge in un batter d'occhio e ti trovi la coda di gente che ti suona alla porta per chiederti cose.... e questo non può succedere, ovviamente...... quindi bisogna imparare anche a dire no, senza farsi troppe remore.


Ecco qualche consiglio maturato da esperienza vissuta, poi magari le altre ti sapranno dare indicazioni in più, e comunque qualsiasi spunto va bene per riflettere, no sorcerer.gif

Claudiaexpat
claudiaexpat@expatclic.com

1989-90: Sudan / 1990-91: Angola / 1992-94 : Guinea-Bissau / 1995-97: Congo / 1999/03: Honduras / 2003-2009 Perú / 2010 Gerusalemme
Sostieni Expatclic
Il mio sito web personale
0

#34 User is offline   malindi 

  • New entry
  • Pip
  • Group: Members
  • Posts: 9
  • Joined: 08-June 08
  • Gender:Female
  • Location:mumbai
  • F/M:Female

Posted 09 June 2008 - 06:38 AM

cara claudia grazie mille delle tue bellissime parole.
Sai anche io sono cresciuta in Africa e conosco bene la situazione ma in questo momento mi sento fragile come una coppa di vetro, non mi sentivo probabilmente pronta ad affrontare questo cambiamento ma come ho già detto non potevo comunque rifiutare.....non sono il tipo da sfarzo, non sono una che butta via i soldi per apparire anzi, faccio di tutto per non eccedere in nulla, non amo i ristoranti o cose del genere. Mi viene solo da sorridere all'idea dell'autista...sapessi come ne farei a meno...ma dopo 5 anni di arabia saudita dove le donne non guidano, mi ci vedi a prendere una macchina per di più con la guida all'incontrario??????????????????????? farei subito una strage di mucche sacre!!!!!
scherzi a parte,, mi sto piano piano abituando a questa nuova avventura. Il problema probabilmente è molto più complesso. Vedi io mi sono sposata 6 anni fa esattamente 6 mesi prima di venire in arabia con una persona molto più grande di me e per giunta in attesa di un trapianto di cuore.
Non so dove ho trovato il coraggio o forse la disperazione di tagliare tutti i ponti e venire quaggiù.
ma quaggiù nonostante l'angoscia di andare per ospedali dove gli uomini non parlano con le donne e quindi non mi dicevano nulla quando lui stava male, nonostante gli attacchi terroristici, (hanno attaccato il compound dove avevo affittato casa) nonostante mille e credimi mille difficoltà e differenze con il nostro mondo, ho trovato una serenità che non avevo mai avuto, una stabilità, la mia prima vera casa con mio marito ( che per fortuna qui hanno curato benissimo (110 e lode alla sanità saudita) e ora mi angoscia lasciarla e riniziare da capo, anche se lui è con me, anche se lui adesso sta bene e di sicuro potrà aiutarmi a risolvere i mille problemi che ti si parano davanti quando cambi la tua vita......comunque
grazie mille a tutte voi di essercvi..... mi avete dato un pò di coraggio in più...... wub.gif
0

#35 User is offline   BarbaraA. 

  • Senior member
  • PipPipPip
  • Group: Members
  • Posts: 101
  • Joined: 26-February 08
  • Gender:Female
  • F/M:Female

Posted 09 June 2008 - 10:06 AM

Cara Elena, benvenuta tra noi!

Noi siamo stati in India l'anno scorso, per sole tre settimane ma ci hanno lasciato un grande desiderio di tornare. Se tutto va bene, torneremo l'anno prossimo. Prima di andare avevo i tuoi stessi dubbi. Da anni sognavo un viaggio in India e quando e' arrivato il momento avevo paura. Paura della poverta' che sapevo avrei visto e dell'effetto che avrebbe avuto su di me ma soprattutto sulle mie figlie. Paura di un mondo affascinante ma sconosciuto. Siamo arrivati a Mumbai e devo ammettere che come primo impatto e' stato piuttosto traumatizzante. La mia bambina piu' piccola, che allora aveva 7 anni, voleva scappare via, salire sul primo volo per la normalita' e io volevo proteggerla da quel mondo cosi diverso, dove bambini come lei vivono sotto un sacco di plastica, ammassati al bordo della strada. Dovevo fare qualcosa e subito, non solo per lei, ma anche per loro.
Ma questa e' la vita, o per lo meno un aspetto della vita e mi sono resa conto che non potevo cambiare nulla e che non potevo proteggere mia figlia. Cosi abbiamo deciso di vivere quelle tre settimane nel modo piu' sereno possibile, facendo tante delle cose suggerite da Claudia. Basta con hotel di lusso che ci facevano sentire diversi, basta con taxi e autisti e niente ristoranti con menu' per stranieri (il mangiare in India e' divino e, con qualche piccolo accorgimento, non ci siamo mai ammalati).
Il problema dei bambini mendicanti e' stato piu' duro da risolvere. Anche qui mi rendo conto di aver fatto come Claudia, considerando ogni caso individualmente. Le mie figlie hanno giocato con questi bambini e, sembra strano a dirsi, ma ci siamo abituati a questo mondo diverso e non era piu' cosi diverso.
Non posso dire che sia stata una vacanza facile ma l'India e' entrata nei nostri cuori.

Certo la tua situazione e' molto diversa, ma ho voluto raccontarti la nostra esperienza sperando che possa in qualche modo aiutarti ad affrontare questo grande cambiamento nella tua vita.
0

#36 User is offline   malindi 

  • New entry
  • Pip
  • Group: Members
  • Posts: 9
  • Joined: 08-June 08
  • Gender:Female
  • Location:mumbai
  • F/M:Female

  Posted 09 June 2008 - 10:13 AM

grazie barbara,
spero di incontrarti nel caso tu ritorni a mumbai
un bacio
e
0

#37 User is offline   Giuliettaexpat 

  • Senior member
  • PipPipPip
  • Group: Equipe ExpatClic italiana
  • Posts: 1,912
  • Joined: 19-September 06
  • Gender:Female
  • Location:Los altos CA
  • F/M:Female

Posted 25 June 2008 - 08:21 PM

ma è incredibile, tutti vanno in india!!! da quando abbiamo deciso di partire per l'india anche noi, mi sembra che sia diventata la meta di espatriazione + gettonata.
Benvenuta elena sui forum, io sono Giulietta a Tokyo fino a sabato scroso e adesso in fase di spostamento per *Chennai, dove sbarcheremo ai primi di agosto per l'inizio della scuola ...
Anch'io avevo dubbi, timori, paure, e ne ho ancora ma dopo esserci andata e aver dato un occhiata mi rendo conto che l'india è un paese diverso da vivere con spirito diverso e anche un po' all'inidana, cioe con la loro filosofia ... fondamentale forse per sopravvivere senza volerti trasformare tutti i giorni in madre Teresa
Giuliettaexpat
Redazione di Expatclic.com
giuliettaexpat@expatclic.com

Francia, Giappone, India, Francia, San Francisco Bay Area California USA
Sostieni Expatclic
Visita il nostro Sportello Espatrio!



Seguite le nostre avventure su http://icerrutiinindia.blogspot.com/
Il mio sito personale: http://www.racontemoiunehistoire.com
0

#38 User is offline   Mariella10 

  • New entry
  • Pip
  • Group: Members
  • Posts: 1
  • Joined: 14-December 11
  • Gender:Male
  • F/M:Female

Posted 20 December 2011 - 08:07 PM

Donatella,
ma sei ancora in India???
ciao
0

#39 User is offline   Gogo 

  • Senior member
  • PipPipPip
  • Group: Members
  • Posts: 267
  • Joined: 05-April 11
  • Gender:Female
  • F/M:Female

Posted 22 December 2011 - 06:51 PM

ciao mariella, se vai a leggere bene lei in india non c'è più andata, ed è un post vecchio del 2008!!! :)
1988- Crema, Italy
2009 - Tokyo, Japan
2010 - Bergamo, Italy
2011 - London, UK
2011 - Leeds, UK.
2012 - Milan, Italy
2013 - London, UK
2014 - Lisbon, Portugal

0

#40 User is offline   lucia 

  • New entry
  • Pip
  • Group: Members
  • Posts: 1
  • Joined: 27-March 13
  • Gender:Male
  • F/M:Female

Posted 28 March 2013 - 08:07 PM

 Donatella, on 07 January 2008 - 04:13 PM, said:

ciao a tutte!
vivo in Texas da 4 anni e stamattina, una telefonata da mio marito... gli hanno offerto qualcosa a cui dire 'no' sarebbe una pazzia.
ma dove? Nuova Deli.
diciamo per cominciare che non sono proprio un'appassionata dell'India, che non ne so nulla a livello turistico e figuriamoci se ho una pallida idea da dove cominciare se ci trasferiremo la'.
se ci fosse qualcuna che vive o che ha vissuto a Deli, o in altre citta' dell'india gradirei scambiare qualche informazione.
anche se non sono felice della destinazione, so che mi adatto bene, quindi non sono preoccupata, ... almeno per ora...

grazie in anticipo
donatella


ciao Donatella sono una nuova iscritta con tanti dubbi e spero che tu mi possa dire come e' poi andata la tua esperiena a Delhi.Mio marito ha avuto una roposta di lavoro e non sappiamo se puo' essere una buona idea seguirlo con i nostri figli di 8 e 13 anni
0

#41 Guest_Erikaexpat_Invité

  • Group: Invités

Posted 30 March 2013 - 07:11 AM

Ciao Lucia. Sono Erika, dal Kazakhstan!
Non riesco ad aiutarti tantissimo ma puoi provare a postare in presentiamoci qui raccontando un po' la tua storia, i dubbi, le paure.... c'è sempre qualcuno che riesce ad offrirti qualche valida informazione.
Nel frattempo ti giro questo link abbastanza recente che parla di una donna fantastica e ti rimanda ad un altro link (donne italiane a Delhi)...
Spero sia il punto di partenza...
http://www.expatclic...ianze&Itemid=74

In bocca al lupo!

ciao Donatella sono una nuova iscritta con tanti dubbi e spero che tu mi possa dire come e' poi andata la tua esperiena a Delhi.Mio marito ha avuto una roposta di lavoro e non sappiamo se puo' essere una buona idea seguirlo con i nostri figli di 8 e 13 anni
[/quote]
0

#42 User is offline   Giuliettaexpat 

  • Senior member
  • PipPipPip
  • Group: Equipe ExpatClic italiana
  • Posts: 1,912
  • Joined: 19-September 06
  • Gender:Female
  • Location:Los altos CA
  • F/M:Female

Posted 01 April 2013 - 01:57 AM

Ciao Lucia sono Giulietta e in India ci ho vissuto, fantastica esperienza, proprio or ora rientriamo dopo aver passato la giornata da nuovi amici che arrivano proprio da Delhi, e adesso come noi sono in California! Grande avventura l' India che sia il Nord o il sud dove abbiamo vissuto noi, bell'e esperienza di vita anche per le mie fanciulle che ne mantengo o vivo il ricordo.
Certo l'India è anche dura, un'esperienza che ti cambia, ma ricchissima..... È un Paese che ti da molto e gli indiani sono aperti, solari, intelligenti. Ci sono tornata regolarmente dopo la nostra partenza, ho messo in piedi una piccola attività a Chennai e tutte le volte questo mondo indiano mi affascina per la sua ricchezza culturale e per la sua capacità di diventare un grande Paese!,
In bocca al lupo
giulietta
Giuliettaexpat
Redazione di Expatclic.com
giuliettaexpat@expatclic.com

Francia, Giappone, India, Francia, San Francisco Bay Area California USA
Sostieni Expatclic
Visita il nostro Sportello Espatrio!



Seguite le nostre avventure su http://icerrutiinindia.blogspot.com/
Il mio sito personale: http://www.racontemoiunehistoire.com
0

Share this topic:


  • 2 Pages +
  • 1
  • 2
  • You cannot start a new topic
  • You cannot reply to this topic

1 User(s) are reading this topic
0 members, 1 guests, 0 anonymous users