ExpatClic Forums: Casa e radici... cosa rappresentano in espatrio? - ExpatClic Forums

Jump to content

  • 4 Pages +
  • « First
  • 2
  • 3
  • 4
  • You cannot start a new topic
  • You cannot reply to this topic

Casa e radici... cosa rappresentano in espatrio?

#91 User is offline   CRISRAV 

  • Senior member
  • PipPipPip
  • Group: Socie onorarie
  • Posts: 773
  • Joined: 20-May 08
  • Gender:Female
  • Location:Milano ex Cape Town
  • F/M:Female

Posted 17 October 2008 - 01:00 PM

Radici, casa, io penso che siano sentimenti, sensazioni, non una cosa concreta e materiale.
Sono nata a Genova è lì ho vissuto, con la famiglia, parecchi anni inframmezzati a periodi di 6/7 anni a Milano. Da quando ho iniziato a viaggiare per lavoro sono stata costretta ad affittare una casa a Milano e poi qui mi sono fermata.
Ma il mio cuore i miei sentimenti profondi sono a Genova, anche se lì non ho più una casa. Quando ci torno mi sembra di vedere i colori, gli odori in maniera diversa, è difficile spiegarlo. comunque ho deciso che quando morirò e sarò cremata, così ho deciso, voglio le mie ceneri disperse in natura (ora in Italia si può) e il posto sarà sul mare davanti a Genova.



Cristina

Posted Image
vuvuzelasmiley
0

#92 User is offline   Claudiaexpat 

  • Senior member
  • PipPipPip
  • Group: Administrators
  • Posts: 6,906
  • Joined: 10-March 04
  • Gender:Female
  • F/M:Female

Posted 19 October 2008 - 10:11 PM

Carissima Cristina,
io penso infatti che ci sia un luogo nella vita di tutte di noi che sentiamo più casa che altri. E non deve necessariamente essere il luogo dove siamo nate e cresciute, ma magari un luogo che ci ha ospitato in un momento particolare della nostra vita, o che per motivi particolari ha toccato in noi corde profonde. Quello che per te è Genova, insomma.....

Volevo raccontarvi questa: ieri sono tornata da uno dei miei giri e la mia Rosa (donna di casa) mi ha detto che è passata la tipa dell'agenzia immobiliare, che il padrone di casa ha nominato per cercare un acquirente, dato che quando ce ne andiamo noi vuole vendere la casa, per chiedere se poteva mettere un cartello di "vendesi" sulla casa.

Sapete qual è stata la mia prima, viscerale reazione, il mio intimo pensiero, la mia spontanea protesta?

Mi sono sentita usurpata, e non trovo nessun altro termine, mi sono sentita quasi ingiustamente derubata. Se non avessi calmato la reazione irrazionale e mi fossi imposta di pensare che è assolutamente normale che il padrone di casa voglia cercare dei clienti anche mettendo un cartello, avrei quasi gridato: "ma questa è casa nostra !!!!".

In realtà non lo è, è una casa di passaggio e va benissimo così, so già che quando l'avrò svuotata tornerà ad essere il guscio vuoto che era quando ci ho messo piede la prima volta, perchè siamo noi e le nostre cose e le nostre vite quotidiane che le diamo vita. Ma simbolicamente, e soprattutto adesso che ancora non so dove potrò dire di nuovo "casa" per i prossimi anni, è stato come all'improvviso mi prendessero e mi gettassero nel vuoto senza che io avessi qualcosa a cui aggrapparmi.... che storia, eh blush.gif blush.gif ????

Claudiaexpat
claudiaexpat@expatclic.com

1989-90: Sudan / 1990-91: Angola / 1992-94 : Guinea-Bissau / 1995-97: Congo / 1999/03: Honduras / 2003-2009 Perú / 2010 Gerusalemme
Sostieni Expatclic
Il mio sito web personale
0

#93 User is offline   annaparigi 

  • Senior member
  • PipPipPip
  • Group: Members
  • Posts: 512
  • Joined: 03-January 07
  • Gender:Male
  • Location:barcelona
  • F/M:Female

Posted 22 October 2008 - 12:46 PM

Ciao Lara, bello il tuo racconto! Benevenuta!

Secondo me l'idea di casa è qualcosa che assomiglia all'idea più vera di noi stessi. Così come ci sono persone con cui ci sentiamo veramente noi, altre meno, altre per nulla, ci sono luoghi dove ci sentiamo noi stessi e altri no.
Trovare un luogo E una casa dentro quel luogo dove sentirsi noi è difficile come trovare l'amore della propria vita. Ma io ci conto!
Io sono qui in Spagna e ormai ho capito che la mia casa non sarà qui. Non è una questioine di abitudine, qui non mi sento a casa. Punto.
Non vedo l'ora che ci trasferiamo di nuovo. Anche mio marito è stufo della Catalunia.
Io covo sogni nel sud della Francia...

La casa per me è un tipo di luce, e un'atmosfera legata al rapporto tra i muri (forse di calce bianca, come quelli greci) e il paesaggio che si vede fuori dalle finestre. Sento che il mio fuori è un paesaggio mediterraneo.
Una grande terrazza stile "Gattopardo" anche, è casa. wub.gif



0

#94 User is offline   antonellaa 

  • Senior member
  • PipPipPip
  • Group: Socie onorarie
  • Posts: 209
  • Joined: 25-April 08
  • Gender:Female
  • Location:Malta
  • Interests:Arts, Design, travels, comics, sailing
  • F/M:Female

Posted 23 October 2008 - 04:45 AM

Appunto parziale con l'idea di aggiungere qualcosa di più completo più avanti.

Dopo aver saputo la prossima destinazione che sarà Abu Dhabi , ci hanno detto che non avremo subito una casa perchè è difficile da trovare anche attraverso la ditta di mio marito, il quale mi ha chiesto se ero preoccupata di questo .
Siccome il pensiero del deserto mi sta affascinando sempre più,
ho accarezzato l'idea di una bella tenda da beduini con tanto di tappeti preziosi e oggetti di artigianato e così ho risposto alla domanda un pò scherzando come una bambina che pensa di andare nel paese delle fiabe.

Per anni ho sognato di vivere in Francia e in particolare a Parigi , ho vissuto anche per un breve periodo a Marsiglia ed ero felicissima , mi sentivo più a mio agio che in Italia, mi sentivo anche un pò francese . Per anni ho considerato la Francia e in particolare il sud come un luogo familiare , la mia casa.

Poi però mi sono accorta che non volevo vedere la distanza e la diffidenza che tengono i francesi e certi aspetti che non sono proprio calorosi o amichevoli. Era come essere innamorata di qualcuno e non vederne i difetti.

Forse col tempo e l' esperienza maturerò il mio senso della realtà.
Ma mi piace sognare sempre un pò.

This post has been edited by antonellaa: 23 October 2008 - 04:57 AM

http://antonellaanto...
http://www.flickr.co...
Labuan 2008, Abu Dhabi 2009, Malta 2012
0

#95 User is offline   annaparigi 

  • Senior member
  • PipPipPip
  • Group: Members
  • Posts: 512
  • Joined: 03-January 07
  • Gender:Male
  • Location:barcelona
  • F/M:Female

Posted 23 October 2008 - 09:06 AM

QUOTE
posso chiederti, se non sono troppo indiscreta (oddio, sto parlando come una francese..... chiamatemi un'esorcista!!!! ) come mai non ci stai bene?


Non riesco a metterlo a fuoco. Ci provo: io sono istintiva, disordinata, tendente al pigro, e per star bene ho bisogno di qualcosa intorno che mi faccia da contrappunto (mio marito è un orologio svizzero rolleyes.gif ). La Francia ha questo ordine maniacale, un tipo di pensiero cartesiano, nordico, asciutto, che mi piaceva un sacco, proprio perché mi conteneva, lasciandomi libera di essere come sono. Qui tutto suda emozioni, vita, disordine e io non mi sento bene.
E poi è una grande città, e ultimamente non sopporto più le città.

This post has been edited by annaparigi: 23 October 2008 - 09:06 AM

0

#96 User is offline   Claudiaexpat 

  • Senior member
  • PipPipPip
  • Group: Administrators
  • Posts: 6,906
  • Joined: 10-March 04
  • Gender:Female
  • F/M:Female

Posted 01 July 2010 - 06:24 AM

Riapro questo topic perchè sto leggendo un libro straordinario sul tema - casa e radici - scritto da un'espatriata canadese. Il titolo è Belonging - Home away from home, e l'autrice è Isabel Huggan. Me l'ha consigliata un'amica (espatriata, ça va sans dire :rolleyes:) che l'ha conosciuta nelle Filippine. Isabel ha una scrittura veramente accattivante. E'capace di parlare per un intero libro di questioni intimamente sue, e non annoiarti mai. E' nata e cresciuta in Canada e si è trasferita col marito prima in Kenya, poi a Montpellier, poi nelle Filippine, fino a quando hanno deciso di "stabilizzarsi" in Provenza. E' un libro che davvero consiglio (a chi legge in inglese, ovviamente) per le profonde riflessioni che contiene sul sentimento di "casa" e per il modo genuino che l'autrice ha di parlare di sentimenti intimi ma nei quali chi vive come noi si ritrova immediatamente.
Claudiaexpat
claudiaexpat@expatclic.com

1989-90: Sudan / 1990-91: Angola / 1992-94 : Guinea-Bissau / 1995-97: Congo / 1999/03: Honduras / 2003-2009 Perú / 2010 Gerusalemme
Sostieni Expatclic
Il mio sito web personale
0

#97 User is offline   lapins 

  • Senior member
  • PipPipPip
  • Group: Members
  • Posts: 152
  • Joined: 09-April 10
  • Gender:Female

Posted 15 August 2010 - 11:07 AM

View PostClaudiaexpat, on 01 July 2010 - 06:24 AM, said:

E' nata e cresciuta in Canada e si è trasferita col marito prima in Kenya, poi a Montpellier, poi nelle Filippine, fino a quando hanno deciso di "stabilizzarsi" in Provenza.


mi piace, mi piace :) lo aggiungo nella wish list
grazie
Dublin (Ireland) 2005 - 2007
Montpellier (France) 2008 - today
0

Share this topic:


  • 4 Pages +
  • « First
  • 2
  • 3
  • 4
  • You cannot start a new topic
  • You cannot reply to this topic

1 User(s) are reading this topic
0 members, 1 guests, 0 anonymous users