ExpatClic Forums: Mio "marito" e gli USA - ExpatClic Forums

Jump to content

Page 1 of 1
  • You cannot start a new topic
  • You cannot reply to this topic

Mio "marito" e gli USA Trasferire una famiglia?

#1 User is offline   overtherainbow 

  • New entry
  • Pip
  • Group: Members
  • Posts: 3
  • Joined: 23-February 09

  Posted 23 February 2009 - 01:44 PM

Ciao a tutte!

ho messo le virgolette su marito perchè in realtà non siamo sposati, ma viviamo insieme da oltre 5 anni, abbiamo una bambina ed un secondo in arrivo. Siamo una classica rolleyes.gif coppia di fatto.
Mio marito ha ricevuto offerte di lavoro in due zone diverse degli Stati Uniti, una in Wisconsin, l'altra in Florida e stiamo considerando entrambe. Attualmente lavoro anche io per una multinazionale che ha diverse sedi negli USA, tra cui la Florida, quindi potrei anche io essere trasferita senza grossi problemi nel caso decidessimo per la Florida, mentre avrei un problemino nel caso si trattasse del Wisconsin:
Essendo non legalmente sposati, che possibilità avrei di ottenere un'eventuale Visa?
Inoltre la scelta di lavorare sarebbe anche nel caso della Florida strettamente legata all'ottenimento del Visa. Ma nel caso decidessi di non lavorare più in un secondo tempo, cosa succederebbe? mi rispedirebbero in Italia? e i bambini?
Purtroppo finora non sono riuscita a trovare risposte su internet, e prima di dovermi recare da qualche avvocato del settore cercavo l'aiuto di chi queste procedure le ha magari già vissute...

Grazie mille!!
0

#2 User is offline   Claudiaexpat 

  • Senior member
  • PipPipPip
  • Group: Administrators
  • Posts: 6,906
  • Joined: 10-March 04
  • Gender:Female
  • F/M:Female

Posted 23 February 2009 - 02:13 PM

Ciao e benvenuta su Expatclic flowers.gif

Io non so proprio rispondere al tuo quesito, l'unica cosa che potrei fare è darti l'indirizzo di un bravissimo avvocato esperto di questioni di migrazioni, sta in California, però....

Abbiamo qualche amica che vive negli States, che viene regolarmente sul forum, e moltissime altre che non si vedono da un po', ma che sono sempre contattabili tramite messaggio personale, aspettiamo un attimo e vediamo se arrivano risposte oppure no.

Comunque la questione che sollevi è universale perchè conosco un sacco di coppie non sposate che devono far fronte a un sacco di problemi in più quando si trasferiscono. Pensa che qui in Perù (dove vivo io) se non puoi dimostrare di essere sposata, per lo stato peruviano non esisti. O meglio, rettifico: può capitare. A me non è successo, ma presumo per via dei contatti che ha l'organismo per cui lavora mio marito, so di un'amica colombiana convivente con un tedesco, che è venuta a Lima prima di lui per sistemare tutte le faccende quotidiane (ricerca casa, allacciamento contratti, etc.) e non ha potuto fare niente perchè era qui a seguito del compagno, contrattualmente parlando, e dato che non poteva dimostrare di essere sposata, nessuno le dava retta. Roba da matti, no w00t.gif w00t.gif ?



Claudiaexpat
claudiaexpat@expatclic.com

1989-90: Sudan / 1990-91: Angola / 1992-94 : Guinea-Bissau / 1995-97: Congo / 1999/03: Honduras / 2003-2009 Perú / 2010 Gerusalemme
Sostieni Expatclic
Il mio sito web personale
0

#3 User is offline   Annaexpat 

  • Senior member
  • PipPipPip
  • Group: Administrators
  • Posts: 1,639
  • Joined: 14-February 08
  • Gender:Female
  • F/M:Female

Posted 23 February 2009 - 04:39 PM

Ciao overtherainbow,
io sono Anna e vivo negli US da un paio d'anni.
Non so dare risposta precisa alle tue domande - ma ti dico quello che so sulla base della mia esperienza. Io ho avuto a che fare, per ora, con visti J e H1B.

I visti dipendenti sono per "spouse and unmarried children under 21". Nel caso di visti J (exchange visitor), il dipendente puo' ottenere un permesso di lavoro, e a quel punto fare qualsiasi lavoro (ma probabilmente questo non sarebbe il vostro caso, in genere e' per studenti, ricercatori etc). Nel caso di visto H1B (specialty worker), il dipendente NON puo' lavorare (ma puo' studiare, per esempio, specialmente nel caso dei bimbi che devono andare a scuola). I visti dipendenti hanno la stessa validita' del visto principale.

Per i bambini, un certificato di nascita e' senz'altro sufficiente.
Per ottenere un visto dipendente per te, devi dimostrare di esserlo, per esempio con un certificato di matrimonio dry.gif so che alcuni miei colleghi si sono sposati prima di chiedere il visto - non so se solo per questioni di praticita' o se proprio non e' possibile ottenere un visto dipendente nel caso non si sia sposati. Forse per questo ti conviene chiedere ad un avvocato... Di solito le aziende che assumono personale straniero hanno un ufficio legale o simile, che si occupa delle pratiche dell'immigrazione. A loro potete di sicuro chiedere informazioni piu' qualificate. Noi abbiamo sempre trovato molta disponibilita', sia da parte del mio datore di lavoro che da quello di mio marito, per dare risposta alle varie domande.

Per i bambini non vedo nessun problema, per te dipende da quello che vuoi fare... Se hai la possibilita' e il desiderio di lavorare, allora ottenere un visto indipendente e' la strada piu' semplice, posto che la ditta per cui lavori sia disposta a sponsorizzare la tua richiesta. Inoltre, per i visti di lavoro c'e' una sorta di "numero chiuso", la soglia massima di visti emessi ogni anno. Gli enti governativi non sono soggetti a questo limite, ma tutte le altre aziende si'.

Questi visti di scambio o lavoro sono in genere legati al progetto o lavoro specifico per cui sono stati richiesti (se la universita'/ditta X sponsorizza il tuo visto, il visto e' valido fintanto che lavori per loro).

Se poi decidi di non lavorare piu', puoi cambiare stato mentre sei negli US (ad un certo costo e con tempi abbastanza lunghi - le pratiche vanno avviate per tempo, ci vogliono alcuni mesi) oppure andare al consolato USA nel tuo paese e chiedere il nuovo visto li'.

Ora devo andare (Emma si sta rotolando per terra come una disperata...). Spero di averti dato qualche informazione utile, se hai altre domande fai un fischio!

Anna flowers.gif
Annaexpat
Redazione di Expatclic.com
annaexpat@expatclic.com

USA (CO) 2007 - today
Sostieni Expatclic
Visita il nostro Sportello Espatrio!
0

#4 User is offline   overtherainbow 

  • New entry
  • Pip
  • Group: Members
  • Posts: 3
  • Joined: 23-February 09

Posted 24 February 2009 - 10:03 AM

QUOTE (Claudiaexpat @ 23.02.2009 à 15:13) <{POST_SNAPBACK}>
Ciao e benvenuta su Expatclic flowers.gif

Io non so proprio rispondere al tuo quesito, l'unica cosa che potrei fare è darti l'indirizzo di un bravissimo avvocato esperto di questioni di migrazioni, sta in California, però....

Abbiamo qualche amica che vive negli States, che viene regolarmente sul forum, e moltissime altre che non si vedono da un po', ma che sono sempre contattabili tramite messaggio personale, aspettiamo un attimo e vediamo se arrivano risposte oppure no.

Comunque la questione che sollevi è universale perchè conosco un sacco di coppie non sposate che devono far fronte a un sacco di problemi in più quando si trasferiscono. Pensa che qui in Perù (dove vivo io) se non puoi dimostrare di essere sposata, per lo stato peruviano non esisti. O meglio, rettifico: può capitare. A me non è successo, ma presumo per via dei contatti che ha l'organismo per cui lavora mio marito, so di un'amica colombiana convivente con un tedesco, che è venuta a Lima prima di lui per sistemare tutte le faccende quotidiane (ricerca casa, allacciamento contratti, etc.) e non ha potuto fare niente perchè era qui a seguito del compagno, contrattualmente parlando, e dato che non poteva dimostrare di essere sposata, nessuno le dava retta. Roba da matti, no w00t.gif w00t.gif ?

Ciao Claudia,
grazie per la tua risposta...
per ora ci stiamo limitando a tastare il terreno e valutare globalmente ciò che potrebbe essere necessario...e se ne valga davvero la pena a livello economico pratico e burocratico.. smile.gif
cmq guarda, anche quì in Italia, nonostante le coppie di fatto siano molto numerose e per così dire riconosciute, in realtà nella vita pratica si incappa in ostacoli a volte davvero ridicoli... ti faccio un esempio fresco fresco di stamattina: dovevo ritirare una raccomandata indirizzata a mio marito arrivata in questi giorni in cui lui é fuori per lavoro (e in mezzo al mare). Beh, nonostante l'addetta alle poste conosca sia me che lui, mi ha detto che senza una delega e copia del suo documento non avrei potuto ritirarla... in fondo non li biasimo perchè la privacy é sacra, però....
Un salutone!

0

#5 User is offline   overtherainbow 

  • New entry
  • Pip
  • Group: Members
  • Posts: 3
  • Joined: 23-February 09

Posted 24 February 2009 - 10:23 AM

QUOTE (mia @ 23.02.2009 à 17:39) <{POST_SNAPBACK}>
Ciao overtherainbow,
io sono Anna e vivo negli US da un paio d'anni.
Non so dare risposta precisa alle tue domande - ma ti dico quello che so sulla base della mia esperienza. Io ho avuto a che fare, per ora, con visti J e H1B.

I visti dipendenti sono per "spouse and unmarried children under 21". Nel caso di visti J (exchange visitor), il dipendente puo' ottenere un permesso di lavoro, e a quel punto fare qualsiasi lavoro (ma probabilmente questo non sarebbe il vostro caso, in genere e' per studenti, ricercatori etc). Nel caso di visto H1B (specialty worker), il dipendente NON puo' lavorare (ma puo' studiare, per esempio, specialmente nel caso dei bimbi che devono andare a scuola). I visti dipendenti hanno la stessa validita' del visto principale.

Per i bambini, un certificato di nascita e' senz'altro sufficiente.
Per ottenere un visto dipendente per te, devi dimostrare di esserlo, per esempio con un certificato di matrimonio dry.gif so che alcuni miei colleghi si sono sposati prima di chiedere il visto - non so se solo per questioni di praticita' o se proprio non e' possibile ottenere un visto dipendente nel caso non si sia sposati. Forse per questo ti conviene chiedere ad un avvocato... Di solito le aziende che assumono personale straniero hanno un ufficio legale o simile, che si occupa delle pratiche dell'immigrazione. A loro potete di sicuro chiedere informazioni piu' qualificate. Noi abbiamo sempre trovato molta disponibilita', sia da parte del mio datore di lavoro che da quello di mio marito, per dare risposta alle varie domande.

Per i bambini non vedo nessun problema, per te dipende da quello che vuoi fare... Se hai la possibilita' e il desiderio di lavorare, allora ottenere un visto indipendente e' la strada piu' semplice, posto che la ditta per cui lavori sia disposta a sponsorizzare la tua richiesta. Inoltre, per i visti di lavoro c'e' una sorta di "numero chiuso", la soglia massima di visti emessi ogni anno. Gli enti governativi non sono soggetti a questo limite, ma tutte le altre aziende si'.

Questi visti di scambio o lavoro sono in genere legati al progetto o lavoro specifico per cui sono stati richiesti (se la universita'/ditta X sponsorizza il tuo visto, il visto e' valido fintanto che lavori per loro).

Se poi decidi di non lavorare piu', puoi cambiare stato mentre sei negli US (ad un certo costo e con tempi abbastanza lunghi - le pratiche vanno avviate per tempo, ci vogliono alcuni mesi) oppure andare al consolato USA nel tuo paese e chiedere il nuovo visto li'.

Ora devo andare (Emma si sta rotolando per terra come una disperata...). Spero di averti dato qualche informazione utile, se hai altre domande fai un fischio!

Anna flowers.gif

Ciao Anna,

grazie mille per la tua risposta. Vedo che oggi é il tuo compleanno, e allora, AUGURI!
In base a quel che mi sembra di capire, prendendo un visto da sposata non potrei lavorare, mentre se prendessi il visto per lavoro sarei comunque legata al lavoro stesso, e se per motivi familiari dovessi cambiare lavoro o non lavorare, sarei costretta a tornare in Italia...
Mi chiedo però se nel caso trovassi un altro lavoro, cosa rischierei? oppure se nel mentre convolassimo a nozze, sarei poi libera di cambiare tipo visa o no?
Non saprei quale tipo di visa darebbero a mio marito, perchè le offerte sono molto diverse l'una dall'altra. In una so che é un tipo di contratto di 4 anni rinnovabile, nell'altro caso non saprei esattamente ...

Già che capisco che anche tu hai una bimba... come sono le scuole (o gli asili) negli States? carissime? l'insegnamento é buono?
io ho una bimba di 4 anni ed uno in arrivo a breve, e mi preoccupo un po' per la "grande"... sarà capace di legare subito con i coetanei? di solito la lingua non é un ostacolo per i bambini, ma chissà la diversa cultura... e poi il riadattarsi ad un mondo diverso, senza le persone alle quali é molto attaccata (nonni e zii in primis)..?
Tu hai avuto un'esperienza simile?
Mille grazie! flowers.gif
0

#6 User is offline   claukia 

  • Senior member
  • PipPipPip
  • Group: Members
  • Posts: 89
  • Joined: 04-November 08
  • Gender:Male
  • Location:New York
  • F/M:Female

Posted 24 February 2009 - 03:05 PM

Ciao e benvenuta nel forum!

Anna ti ha gia` detto quello che piu` o meno so anche io.

Se tu dovessi venire con un visto di lavoro tuo e poi dovessi lasciare il lavoro puoi sempre far domanda per un visto "spouse".

In parallelo potresti anche provare fin da ora a far domanda per la green card lottery. Tentar non nuoce.


<!--coloro:#000080--><!--/coloro--><!--sizeo:2--><!--/sizeo--> Claudia

<!--sizec-->
<!--/sizec-->
<!--colorc-->
<!--/colorc-->
0

#7 User is offline   Annaexpat 

  • Senior member
  • PipPipPip
  • Group: Administrators
  • Posts: 1,639
  • Joined: 14-February 08
  • Gender:Female
  • F/M:Female

Posted 27 February 2009 - 04:09 PM

QUOTE(overtherainbow @ 24.02.2009 à 03:23) <{POST_SNAPBACK}>
In base a quel che mi sembra di capire, prendendo un visto da sposata non potrei lavorare, mentre se prendessi il visto per lavoro sarei comunque legata al lavoro stesso, e se per motivi familiari dovessi cambiare lavoro o non lavorare, sarei costretta a tornare in Italia...

Non esattamente: puoi cambiare stato (= tipo di visto) anche da dentro gli US. E' solo una procedura un po' piu' lunga che non andare all'ambasciata in Italia. Riempi dei moduli, fotocopi i documenti richiesti, paghi una fee e spedisci. In qualche mese (3-4 per i visti H, in genere) ricevi una risposta. Se poi esci dal paese, prima di rientrare devi COMUNQUE passare al consolato in Italia a farti mettere il timbro sul passaporto.

QUOTE
Mi chiedo però se nel caso trovassi un altro lavoro, cosa rischierei? oppure se nel mentre convolassimo a nozze, sarei poi libera di cambiare tipo visa o no?

Non credo che tu "rischi" niente! L'eventuale datore di lavoro si informa comunque dello stato dei tuoi documenti di immigrazione (o dovrebbe farlo) e decide se vuole impegnarsi o meno per richiedere un altro visto per te. Se vi sposate, puoi certamente cambiare visto.

QUOTE
Non saprei quale tipo di visa darebbero a mio marito, perchè le offerte sono molto diverse l'una dall'altra. In una so che é un tipo di contratto di 4 anni rinnovabile, nell'altro caso non saprei esattamente ...

Vale la pena chiedere... visto che le cose possono essere diverse anche per te, puo' essere un fattore da tener presente per la vostra decisione.

QUOTE
Già che capisco che anche tu hai una bimba... come sono le scuole (o gli asili) negli States? carissime? l'insegnamento é buono?
io ho una bimba di 4 anni ed uno in arrivo a breve, e mi preoccupo un po' per la "grande"... sarà capace di legare subito con i coetanei? di solito la lingua non é un ostacolo per i bambini, ma chissà la diversa cultura... e poi il riadattarsi ad un mondo diverso, senza le persone alle quali é molto attaccata (nonni e zii in primis)..?
Tu hai avuto un'esperienza simile?

La mia bimba e' nata qui, e ha 7 mesi. Per ora siamo riusciti ad organizzarsi senza asili, ma con una baby sitter. Per la verita' abbiamo provato ad informarci sugli asili qui nei dintorni, ma hanno liste d'attesa lunghissime (quando mi hanno visto con la pancia di 8 mesi mi hanno detto: e' tardi, dovevi venire prima!). Non so se e' solo per i bimbi piccolissimi, visto che il rapporto bambini-maestri e' piuttosto alto in quel caso, e non so nemmeno se e' un problema locale o se e' dappertutto cosi'.

A questo proposito ti volevo dire che Florida e Wisconsin sono posti MOLTO diversi, sia per clima che probabilmente anche per modo di fare delle persone. Probabilmente lo sai gia', ma insomma... io prima di venire qui, e andare un po' in giro, non avevo davvero realizzato quanto diversi fossero i vari stati!

Per la tua bimba grande ti potranno dire meglio altre expat che ci sono passati, ma secondo me non ti devi preoccupare molto. Per fare un esempio pratico, mia sorella e' stata qui in visita e ha una bimba di 4 anni. Al parco, o ovunque trovasse dei bambini, non ha mai avuto difficolta' a trovare nuovi amici, anche senza sapere una parola di inglese. "Tu come parli?" li apostrofava laugh.gif e poi, via a correre insieme, parlando... la lingua dei bambini! Con un po' di frequentazione vedrai che per lei sara' molto piu' facile che per noi grandi imparare una lingua nuova!

Anna flowers.gif
Annaexpat
Redazione di Expatclic.com
annaexpat@expatclic.com

USA (CO) 2007 - today
Sostieni Expatclic
Visita il nostro Sportello Espatrio!
0

#8 User is offline   mary84 

  • New entry
  • Pip
  • Group: Members
  • Posts: 9
  • Joined: 11-June 12
  • Gender:Male
  • F/M:Female

Posted 23 November 2012 - 10:50 PM

ciao , io sapevo che se uno si sposava negli Usa è soggetto a molti controlli o deve per forza rimpatriare perchè loro non ammettono matrimoni di convenienza.
Il mio però sarebbe per amore ed ho letto da qualche parte di portare con sè anche delle foto e delle cose che attestino che si stia insieme da anni, e sapevo che dal b2 non puoi cambiare visto a meno che non esci o rientri ... bah il mistero fitto dei visti ..riusciremo a venirne fuori? <_<
0

#9 User is offline   rosi 

  • Senior member
  • PipPipPip
  • Group: Members
  • Posts: 136
  • Joined: 22-September 10
  • Gender:Female
  • Location:Geneva
  • F/M:Female

Posted 04 December 2012 - 02:31 AM

Ciao, sono Rosi, vivo a Miami da 4 anni con marito e due bimbi. Le altre ti hanno gia' detto molte cose, comunque dipende dal visto che ha tuo marito. Non so se sapete gia' quale visto vi propongono o meno, comunque alcuni ( tipo L1, E1, E2) permettono al coniuge di lavorare dopo aver richiesto il permesso di lavoro ( una formalita' comunque). Dovete comunque sposarvi, altrimenti ognuno dovrebbe chiedere un visto individuale. Io ad esempio mi sono sposata 2 settimane prima della richiesta del visto ( ma dopo 8 anni di convivenza!) e mi ero portata un sacco di foto per paura non credessero fosse un matrimonio vero, invece non mi hanno chiesto nulla. Comunque, io lavoro in uno studio legale e ci occupiamo anche di visti quindi, saro' ben felice di darti altre info.

Per quanto riguarda il trasloco, c'e' una bella differenza tra i due stati, ma sono entrambi belli!!

Fammi sapere se posso aiutarti,

A presto! :)

Rosi
Rosi

Paris 2002-2006, Milan 2007, Miami 2008-2014, Geneva 2014-...
0

Share this topic:


Page 1 of 1
  • You cannot start a new topic
  • You cannot reply to this topic

1 User(s) are reading this topic
0 members, 1 guests, 0 anonymous users

  1. Google