ExpatClic Forums: c'e' nessuna in India? - ExpatClic Forums

Jump to content

  • 2 Pages +
  • 1
  • 2
  • You cannot start a new topic
  • You cannot reply to this topic

c'e' nessuna in India? tra pochissimo... New Delhi

#1 User is offline   Donatella 

  • Senior member
  • PipPipPip
  • Group: Members
  • Posts: 67
  • Joined: 15-September 05
  • Gender:Female
  • Location:Houston TX

  Posted 07 January 2008 - 04:13 PM

ciao a tutte!
vivo in Texas da 4 anni e stamattina, una telefonata da mio marito... gli hanno offerto qualcosa a cui dire 'no' sarebbe una pazzia.
ma dove? Nuova Deli.
diciamo per cominciare che non sono proprio un'appassionata dell'India, che non ne so nulla a livello turistico e figuriamoci se ho una pallida idea da dove cominciare se ci trasferiremo la'.
se ci fosse qualcuna che vive o che ha vissuto a Deli, o in altre citta' dell'india gradirei scambiare qualche informazione.
anche se non sono felice della destinazione, so che mi adatto bene, quindi non sono preoccupata, ... almeno per ora...

grazie in anticipo
donatella
0

#2 User is offline   Claudiaexpat 

  • Senior member
  • PipPipPip
  • Group: Administrators
  • Posts: 6,906
  • Joined: 10-March 04
  • Gender:Female
  • F/M:Female

Posted 07 January 2008 - 04:46 PM

Ma carissima,
che bella sorpresa e che bello che vai in India !!!!

Qui c'è la scheda pratica che ci ha fatto Chiara, un'italiana che vive proprio a Dehli e che sarà felicissima di assisterti. Ti mando la sua mail in un messaggio a parte.

Complimenti, che bello flowers.gif !

Claudiaexpat
claudiaexpat@expatclic.com

1989-90: Sudan / 1990-91: Angola / 1992-94 : Guinea-Bissau / 1995-97: Congo / 1999/03: Honduras / 2003-2009 Perú / 2010 Gerusalemme
Sostieni Expatclic
Il mio sito web personale
0

#3 User is offline   Donatella 

  • Senior member
  • PipPipPip
  • Group: Members
  • Posts: 67
  • Joined: 15-September 05
  • Gender:Female
  • Location:Houston TX

Posted 07 January 2008 - 05:04 PM

grazie mille Claudia, le ho gia' scritto, ora mi stampo il link che mi hai mandato e me lo studio per bene!

che dire.... se pensiamo che sono stata per un mese in italia per le vacanze di natale e mi mancava tantissimo Houston, la mia cagnolina, i 'miei' cagnetti al canile, la biblioteca da finire al centro culturale.... essere in italia da 'turista' fa un effetto davvero strano, difficile abituarsi.
ormai la mia vita e' di qua, e stare per un mese in 'vacanza' mi e' pesato parecchio.
eccomi qui, tre giorni dopo il mio arrivo a houston, che ricevo questa telefonatina che mi ha provocato un risveglio da doccia gelata....
se da una parte la cosa mi intriga, come un po' tutte le cose nuove, il ricominciare ad esplorare, conoscere, l'ambientamento...
dall'altra parte non sono proprio una cultrice dell'est e so che qualche problemino ad ambientarmi in una societa' cosi' particolare come quella indiana ce l'avro'.

ho gia' scritto al centro culturale italiano di delhi, e vedremo mettendo insieme le forze cosa saltera' fuori!!!

vi terro' informate sulle mie vicissitudini!!!!
un bacione
0

#4 User is offline   Silviaex 

  • Senior member
  • PipPipPip
  • Group: Members
  • Posts: 2,197
  • Joined: 06-December 06
  • Gender:Female
  • Location:Berlin, Germany
  • F/M:Female

Posted 07 January 2008 - 07:02 PM

Ciao Donatella!

Sono Silviaexpat e sono una patita dell'India e specialmente di Delhi, pensa te....!!!! laugh.gif

Senti, l'India e' un paese sicuramente 'diverso' e 'difficile' per chi e' abituato a realta' piu' diciamo classicamente occidentali...
La poverta', la moltitudine, il clima, l'arte cosi' imponente e diversa, la flora, la fauna (oops, attenti alle scimmiette!! rolleyes.gif )... ce ne sono di cose apparentemente 'shockanti'... w00t.gif

Pero' l'India, e Delhi, sono anche spazi nei quali si puo' vivere con grande agio, con poco dispendio di energie personali volendo... Dove si puo' godere del bello delle culture orientali (ahhh come mi sogno i miei corsi di Yoga... sad.gif ), insomma, dove lasciarsi andare un pochinino di piu' e sentirsi piu'... 'leggeri'... stuart.gif

Come ti invidio!!!! con affetto naturalmente... Sogno costantemente di essere di nuovo li', speriamo... chi lo sa...? sorcerer.gif

Buona fortuna e... tienimi/ci aggiornata/te
Silviaexpat
Redazione di Expatclic.com
silviaexpat@expatclic.com

Personal blog: http://silviadelogu.wordpress.com
1992-93: Siria / 1995-98: Pakistan / 1998-99: India / 1999-00: Germany / 2000-02: Armenia / 2002-05: Pakistan / 2006-2008: Macedonia / 2009: Sudan / 2010: Tanzania / 2011: Berlin, Germany
Sostieni Expatclic
Visita il nostro Sportello Espatrio!
0

#5 User is offline   Donatella 

  • Senior member
  • PipPipPip
  • Group: Members
  • Posts: 67
  • Joined: 15-September 05
  • Gender:Female
  • Location:Houston TX

Posted 07 January 2008 - 08:53 PM

Ciao silvia e grazie degli auguri (ne ho bisogno..)
quando dico che non sono una patita delle realta' orientali.... Non riesco a fare yoga, x me rilassarsi vuol dire fare una faticaccia e sudare sette camicie... Non sono per niente una tipa 'zen' per intenderci, e l'idea di avere persone in casa, autista, cuoco o che altro mi fa gia' venire il mal di testa
caratterialmente so che faro' un po' di fatica, ma non voglio partire prevenuta....speriamo!!
0

#6 User is offline   franci 

  • Senior member
  • PipPipPip
  • Group: Members
  • Posts: 188
  • Joined: 30-November 07
  • Gender:Female

Posted 08 January 2008 - 01:23 PM

Ciao Donatella, sono Francesca e sono a Istanbul.
Come ti capisco quando dici che non sei patita dell'est e, giuro, anche io per rilassarmi ho bisogno di sudare quindici camicie... però dai, sarebbe stato peggio se vi avessero offerto Trebaseleghe o Grugliasco... o no? blink.gif
Sai che stavo leggendo un libro davvero bello su Dheli, che poi ho dovuto interrompere perché... ehm... mi vergogno a dirlo.... mi emozionava troppo. Giuro, è la prima volta che mi succede, e la colpa è sicuramente da attribuire alla gravidanza: cioè, non riuscivo a dormire, certe descrizioni mi prendevano lo stomaco e me lo attorcigliavano. Ma il librone (che si intitola proprio così, DHELI, è edito da Guanda ed è un librone di 800 pagine, come piace a me) è lì sul comodino che aspetta maggio...
francesca
Venezia Istanbul
0

#7 User is offline   Donatella 

  • Senior member
  • PipPipPip
  • Group: Members
  • Posts: 67
  • Joined: 15-September 05
  • Gender:Female
  • Location:Houston TX

Posted 08 January 2008 - 05:18 PM

grazie Franci, mi prendero' questo librone... Quando ho letto "la citta' della gioia" mi si sono attorcigliate le viscere abbastanza, anche se si parla di Calcutta e non di Delhi...
ciliegina sulla torta, mi e' partito l'hard disk del mio computer ed ora devo usare il pc del figlio di mio marito...quando lui e' a scuola ....
con tutto quello che avrei da cercare su internet, poche ore al giorno di pc non mi bastano!!
0

#8 User is offline   Donatella 

  • Senior member
  • PipPipPip
  • Group: Members
  • Posts: 67
  • Joined: 15-September 05
  • Gender:Female
  • Location:Houston TX

Posted 16 March 2008 - 01:42 AM

e chi l'ha detto che "non si puo' dire no"??
infatti, pensa che ci si ripensa... abbiamo deciso per il no
io ho potuto farmi un'idea solo mentale, visto che fisicamente in india non ci sono mai stata, ho letto, ho cercato su internet, e chiara di expatclic mi ha dato veramente una tonnellata di informazioni.
mio marito dall'altra parte, a dehli ed in altre citta ci e' stato e ci continua ad andare molto spesso, e non riesce a farsele piacere.

quindi.... si resta a houston!! wink.gif
0

#9 User is offline   Silviaex 

  • Senior member
  • PipPipPip
  • Group: Members
  • Posts: 2,197
  • Joined: 06-December 06
  • Gender:Female
  • Location:Berlin, Germany
  • F/M:Female

Posted 16 March 2008 - 08:53 AM

Beh, che dire Donatella...?

Contenta tu, contenti tutti... ! rolleyes.gif

Buon proseguimento a Houston e raccontaci dei tuoi cagnolini, qui siamo tutte (o quasi) pet lovers ! wink.gif

Silviaexpat
Redazione di Expatclic.com
silviaexpat@expatclic.com

Personal blog: http://silviadelogu.wordpress.com
1992-93: Siria / 1995-98: Pakistan / 1998-99: India / 1999-00: Germany / 2000-02: Armenia / 2002-05: Pakistan / 2006-2008: Macedonia / 2009: Sudan / 2010: Tanzania / 2011: Berlin, Germany
Sostieni Expatclic
Visita il nostro Sportello Espatrio!
0

#10 User is offline   Giuliettaexpat 

  • Senior member
  • PipPipPip
  • Group: Equipe ExpatClic italiana
  • Posts: 1,912
  • Joined: 19-September 06
  • Gender:Female
  • Location:Los altos CA
  • F/M:Female

Posted 16 March 2008 - 01:30 PM

B eh ragazze c'e' chi dice di no e chi non sa che dire!!! Eh si l'offerta per l"india e' arrivata anche a noi, e adesso sono mille le domande che ci facciamo....
C'e ' da un lato l'interesse per un nuovo posto, un tipo di lavoro interessante, la possibilita' di scoprire una nuova cultura..... ma poi sull'altro piatto della bilancia ci sono un lavoro ugualmente interessante a Parigi, la riscoperta di un mondo che conosciamo....
Per una destinazione come per l'altra dobbiamo decidere entro fine settimana.... ma la decisione e' dura e combattuta, anche perche' francamente non siamo solo due adulti da spostare , ma tre marmocchie che gia' puntano i piedi all'idea di lasciare Tokyo.
Insomma avrei bisogno di consigli e di testimonianze di chi ha gia' vissuto laggiu'. Per noi la destinazione sarebbe Chennai....
Giuliettaexpat
Redazione di Expatclic.com
giuliettaexpat@expatclic.com

Francia, Giappone, India, Francia, San Francisco Bay Area California USA
Sostieni Expatclic
Visita il nostro Sportello Espatrio!



Seguite le nostre avventure su http://icerrutiinindia.blogspot.com/
Il mio sito personale: http://www.racontemoiunehistoire.com
0

#11 User is offline   Donatella 

  • Senior member
  • PipPipPip
  • Group: Members
  • Posts: 67
  • Joined: 15-September 05
  • Gender:Female
  • Location:Houston TX

Posted 16 March 2008 - 02:32 PM

Giulietta, ti capisco, qui non si tratta solo di una scelta di citta', ma di stili di vita cosi' diversi che anche con il miglior senso di adattamento sono un po' difficili da buttare giu'.
per me una delle cose piu' difficili e' vivere in realta' dove ci sono i ricchissimi ed i poverissimi, e poca via di mezzo.
india come brasile, come altre parti del mondo, hanno queste gabbie dorate per i pochi eletti, ed appena esci ti arriva addosso il resto della realta' come una porta in faccia.
questo e' stato uno dei motivi per cui abbiamo deciso per il no.
con il mio 'senso di crocerossa' nel sangue, avrei dilapidato lo stipendio di mio marito per dare una mano, che poi sarebbe solo stata una goccia in un oceano...

e un'altra cosa, sembrera' da pazzi questa, ma e' proprio per i pet lovers....
portare la mia cagnolina in india avrebbe significato poterla portare a spasso poco. parlando con Chiara, mi ha detto che ci sono degli branchi di cani randagi estremamente territoriali e nel momento in cui vedono un altro cane passano all'attacco. e questo non nelle zone brutte della citta', ma anche nei quartieri residenziali...

This post has been edited by Donatella: 16 March 2008 - 02:36 PM

0

#12 User is offline   Claudiaexpat 

  • Senior member
  • PipPipPip
  • Group: Administrators
  • Posts: 6,906
  • Joined: 10-March 04
  • Gender:Female
  • F/M:Female

Posted 18 March 2008 - 03:51 AM

Cara Donatella,
è una riflessione molto importante la tua, anzi, entrambe lo sono laugh.gif

Io rimango sulla prima, però, perchè praticamente dall'inizio del mio espatrio io vivo in posti dove la differenza tra ricchi e poveri non solo è smisurata, ma dove tra i più ricchi si contano praticamente sempre gli stranieri, che a volte spesso scelgono proprio di installarsi in quelle realtà per potersela godere al cubo.

Beh, col lavoro che facciamo noi sarebbe difficile andare in posti molto differenti, e comunque ti dirò che col passare del tempo io sono arrivata a questa riflessione: preferisco stare in paesi così, dove cioè la povertà è tanto nuda e sfacciata come la ricchezza, perchè almeno sto sempre con un piede in quella che è la realtà dell'80% della popolazione mondiale. Che poi sia un esercizio delicatissimo e difficile non ci piove. Vengono a galla talmente tante cose, le contraddizioni sono così evidenti, la differenze così cocenti, ma a volte è anche così bello creare ponti e sentirsi vicini nonostante le abissali lontananze, insomma, è un'esperienza completa, incredibilmente intensa, probabilmente ti fa venir più rughe laugh.gif , però io non solo ci rinuncerei, se dovessi tornare indietro, ma non vorrei neanche che i miei figli se la perdessero, perchè credo che la coscienza che ti viene dal vedere coi tuoi occhi certe realtà e mischiarti, come meglio puoi, a queste realtà, sia qualcosa di grande e ricco che ti porti dietro per il resto della tua vita.

Comunque capisco e rispetto la tua scelta, secondo me in un certo senso altrettanto coraggiosa wub.gif

Claudiaexpat
claudiaexpat@expatclic.com

1989-90: Sudan / 1990-91: Angola / 1992-94 : Guinea-Bissau / 1995-97: Congo / 1999/03: Honduras / 2003-2009 Perú / 2010 Gerusalemme
Sostieni Expatclic
Il mio sito web personale
0

#13 User is offline   Donatella 

  • Senior member
  • PipPipPip
  • Group: Members
  • Posts: 67
  • Joined: 15-September 05
  • Gender:Female
  • Location:Houston TX

Posted 18 March 2008 - 04:04 AM

claudia... io queste cose le vivo malissimo.
con il lavoro che fa tim, le frequentazioni sarebbero state tra quelli sfacciatamente ricchi, ... una tra tutte, il suo "capo" ha un cane, il quale cane ha un servo (loro li chiamano cosi' e gia' mi viene il voltastomaco) personale che gli da' da mangiare con la forchetta, e al quale vengono cucinati piatti particolari.
ecco. se penso che probabilmente il 'servo' con il cibo per il cane ci sfamerebbe volentieri i suoi figli, e che probabilmente i suoi figli una forchetta non l'hanno mai vista, questo genere di cose mi irritano, mi demoralizzano, mi frustrano.
io piu' di tanto non potro' fare, ma nel mio piccolo cerco di arrivare dove posso.
aprire la porta in una citta' dove almeno il 50% delle persone vive in una situazione di assoluta poverta' e un altro 25% di precarieta', mi darebbe la sensazione di prendere una facciata contro un muro ogni volta.
non riesco ad andare in brasile (non posso dire di dehli, non essendoci mai stata, ma in brasile ci sono stata spesso) e fare la turista, andare in spiaggia, fare shopping ed ignorare che sulla collina proprio di fronte al mio lussuoso albergo di copacabana ci sono le favelas.
io invidio quelli come voi che ce la fanno, ma credo di non avere la forza necessaria, che questo 'muro in faccia' un giorno dopo l'altro mi porterebbe a sentirmi don chishotte contro i mulini a vento.
....sorry.....
0

#14 User is offline   franci 

  • Senior member
  • PipPipPip
  • Group: Members
  • Posts: 188
  • Joined: 30-November 07
  • Gender:Female

Posted 18 March 2008 - 09:42 AM

La prima cosa che devo dire è che rispetto la tua scelta, Donatella. Ti sei ascoltata e hai preso la scelta giusta per te.
Poi è chiaro, ognuna di noi è fatta in modo diverso.
Io mi sento molto vicina a quello che dici tu, Claudia.
Perché c'è modo e modo di stare in certi paesi e non credo che Claudia o chiunque altra di noi viva bene il fatto di vedere che c'è qualcuno che deve imboccare il cane del suo padrone con del cibo con cui sfamerebbe ben altre persone.

Io non sono mai stata in un lussuoso albergo di Copacabana. E credo che non ci andrei mai. Eppure le vacanze la faccio anche io. Anche in quei paesi.
Rob ha viaggiato per anni in Brasile, per lavoro. Data la sua posizione si trovava a dover frequentare gente "in alto". Eppure è riuscito a farsi degli amici, a Rio, che lo hanno portato nella loro favela, a ballare coi bambini e a suonare per tutta la notte. Amici che oggi chiama amici, e che mi porterà a conoscere.

E' anche vero però che in certe situazioni non puoi intervenire: ho vissuto per un periodo a Nairobi ed è vero, odiavo il fatto di avere il guardiano e di dovere "amministrare" 14 lavoratori kikuyu. Ci provavo, a "tirare la pasta" con le ragazze, o a mangiare con loro, poi vedevo che facevo peggio, che le mettevo in imbarazzo e che per loro ero comunque "la padrona". Però quella situazione non me la ero creata io. Appena ho potuto sono tornata in savana, a vivere nelle case di letame e a zappare la terra. Se mi fossi dovuta trasferire davvero a Nairobi, diciamo che avrei impostato una quotidianità decisamente diversa.

Il bianco che ha preso a pedate il ragazzino nero perché questi si stava bevendo l'acqua con cui avrebbe dovuto lavare la macchina... beh, questa scena me la porterò dietro per tutta la vita. Però a conti fatti mi ha fatto molto bene, averla vista.
francesca
Venezia Istanbul
0

#15 User is offline   Cristinaexpat 

  • Senior member
  • PipPipPip
  • Group: Members
  • Posts: 940
  • Joined: 12-June 04
  • Gender:Female
  • F/M:Female

Posted 18 March 2008 - 10:28 AM

Rispondere a questo topic rappresenta per me una gran fatica e d'altra parte credo sia importante farlo.
Carissima Donatella capisco fino in fondo quello che provi e la scelta che hai fatto.
Sono anche pienamente daccordo con Claudia.
Allo stesso tempo mi dico che ciascuno di noi ha i suoi limiti con i quali deve confrontarsi ogni giorno.
Ho vissuto quello che racconti tu, Franci, in Nigeria, tutti i sacrosanti giorni per quasi quattro anni. Ogni volta che andavo a fare la spesa mi veniva il mal di stomaco, all'idea di quanta gente si sarebbe potuta sfamare con quello che spendevo io (e che comunque rispetto ai nostri standard europei era davvero poca cosa). Mi veniva la nausea partecipare alle feste degli espatriati (tra cui molti italiani !!!) alle quali si sprecavano allegramente montagne di cibo di fronte alla cosidetta "servitù" che veniva retribuita con "altissimi" e discutissimi stipendi.... quattro lire che in Italia sarebbero stati spesi in meno di un'ora in un centro commerciale. Senza parlare di quello che io considero un normale atteggiamento di rispetto nei confronti delle persone.
Molte volte ancora oggi ho i complessi di colpa su quanto avrei potuto fare in Nigeria e non ho fatto e poi continuo a chiedermi che cosa realmente avrei potuto fare di più? Il contatto con la gente comune era limitatissimo, bloccato dalla distanza delle scorte armate, dello status sociale e del fatto che la mia faccia era bianca e per loro restava bianca anche in qualsiasi altro contesto. Ho provato davvero, avrei potuto avvicinare di più alcune situazioni, ma avrei anche messo a rischio la mia vita e quella dei miei bambini. E comunque quando l'ho fatto, ho trovato un muro dall'altra parte, perché le barriere purtroppo, vengono alzate a torto o a ragione, da entrambi i lati.
Giorno dopo giorno vedere certe cose, i cadaveri per le strade, la violenza e la guerra dei poveri contro i poveri, l'abuso (di tutti i generi) dei bianchi sui non-bianchi giustificato dalla sola disponibilità di denaro, e sentirsi impotenti di fronte a tutto questo, ti entra nel sangue e ti mina in profondità. Personalmente ho rischiato una forte depressione in quel periodo e adesso davvero tornarci mi farebbe sentire un'angoscia indescrivibile.
E pure la vita in quei contesti è più vera, più autentica di quanto non sia quella in Europa. Tuttavia bisogna avere energie e risorse necessarie a non soccombere o, alla peggio, a non trasformarsi come chi invece chiude gli occhi e preferisce non vedere, irrigidire il cuore e diventare il ricco e straffottente espatriato.

D'altro canto, sono contenta di aver fatto quest'esperienza, perché come dice Claudia, è qualcosa che ti fa prendere coscienza di dove sta andando l'80% del mondo e di quali siano le responsabilità della nostra gente nei confronti di certi paesi. Oggi non riesco più a vivere come prima e a guardare al mondo e a come funziona senza guardarne le implicazioni per i paesi come la Nigeria. Quando faccio la spesa, ho davanti agli occhi i bambini di Port Harcourt.
La cosa di cui più sono contenta è il fatto che mia figlia a 8 anni è pienamente consapevole di cosa significhi la parola "povertà", perché l'ha vista con i suoi occhi e non l'ha dimenticata!
Cristinaexpat
Redazione di Expatclic.com
cristinaexpat@expatclic.com
2002 Al Khobar (KSA) / 2003-2006 Port Harcourt (Nigeria) / 2006-2009 Parigi (Francia) / 2009-2011 Lagos (Nigeria) / 2012 Perth (Australia) - Milano (Italia) / 2013 Edmonton (Canada)
Sostieni Expatclic
Visita il nostro Sportello Espatrio!
0

#16 User is offline   Silviaex 

  • Senior member
  • PipPipPip
  • Group: Members
  • Posts: 2,197
  • Joined: 06-December 06
  • Gender:Female
  • Location:Berlin, Germany
  • F/M:Female

Posted 18 March 2008 - 10:52 AM

QUOTE
con il lavoro che fa tim, le frequentazioni sarebbero state tra quelli sfacciatamente ricchi, ... una tra tutte, il suo "capo" ha un cane, il quale cane ha un servo (loro li chiamano cosi' e gia' mi viene il voltastomaco) personale che gli da' da mangiare con la forchetta, e al quale vengono cucinati piatti particolari.


Sapete perche' esistono tali imbecilli, al mondo? perche' nessuno ha il 'coraggio' di alzarsi da tavola e dire Sei un imbecille!

E inoltre, si, certo, tutti abbiano visto scene di incredibile crudelta' in Nigeria, in India, in Brasile...
Li', in quei posti, e' anche la disperata lotta tra poveracci e miserabili, tra affamati e malati.
Li' queste cose almeno si vedono. Perche' la disperazione fa urlare a tutti Che il Re e' Nudo e non c'e' spazio ne' tempo da perdere.

Invece, a Houston, ed in tanti altri posti, no, siamo piu' eleganti. E quando un Imbecille ha un Servo che da' da Mangiare al Cane con la Forchetta, be' allora li' non ci indignamo, o se ci indigniamo, che possiamo fare? niente, ce ne stiamo zitti, sorridiamo, guardiamo altrove.

Si, forse e' meglio lasciare l'India, il Brasile, l'80% dei paesi che vivono in grandi difficolta' a chi ha piu' pelo sullo stomaco.

Buona giornata a tutti! flowers.gif
Silviaexpat
Redazione di Expatclic.com
silviaexpat@expatclic.com

Personal blog: http://silviadelogu.wordpress.com
1992-93: Siria / 1995-98: Pakistan / 1998-99: India / 1999-00: Germany / 2000-02: Armenia / 2002-05: Pakistan / 2006-2008: Macedonia / 2009: Sudan / 2010: Tanzania / 2011: Berlin, Germany
Sostieni Expatclic
Visita il nostro Sportello Espatrio!
0

#17 User is offline   Giuliettaexpat 

  • Senior member
  • PipPipPip
  • Group: Equipe ExpatClic italiana
  • Posts: 1,912
  • Joined: 19-September 06
  • Gender:Female
  • Location:Los altos CA
  • F/M:Female

Posted 18 March 2008 - 11:21 AM

Non ho mai vissuto in nessun paese "difficile" e vivo l'espatrio in modo molto molto confortevole, Parigi, Tokyo, sono citta' in cui hai tutto , in cui in apparenza tutto e' bello, elegante, costoso, ma ci sono dei MA perche' dietro tutto questo ci sono condizioni e sofferenze gravi e grandi , invisibili, ben nascoste, ben spinte al di la dei confini del mondo bello e buono....
Non cosnosco l'India, paese del quale mi si aprono in prospettiva le porte, e devo dire che francamente non mi speventa il dovermi confrontare con la poverta', la miseria ssoluta e inequivocabile, i bambini stracciati e abbandonati, la mancanza di tutto.... non mi spaventa perche' so che esiste e che sono una privilegiata in questo mondo, non mi spaventa perche' non penso in questo modo di chiudere gli occhi e non vedere, anche se non vedo so che tutto cio' esiste...
Quello che mi fa rabbia e' l'incapacita' di reagire di fronte al mondo di imbecilli che hanno uns ervo che da da mangiare al cane, che lo raccontano e non si vergognano... beh finche' il mondo sara' popolato da qs categoria umana, e finche non sapremo reagire a tutto cio', allora non andremo da nessuna parte con i nostri occhi bendati e le orecchie turate... e si non sono i bambini delle favelas, i cinesini che chiedono l'elemosina a tre passi dai negozi lussuosi di pekino o i piccoli indiani abbandonati che mi fanno paura ma questa popolazione rinchiusa dentro il finto mondo dorato a compiacersi di essere superiore....MA allora reagiamo ognuna nel nostro piccolo
Giuliettaexpat
Redazione di Expatclic.com
giuliettaexpat@expatclic.com

Francia, Giappone, India, Francia, San Francisco Bay Area California USA
Sostieni Expatclic
Visita il nostro Sportello Espatrio!



Seguite le nostre avventure su http://icerrutiinindia.blogspot.com/
Il mio sito personale: http://www.racontemoiunehistoire.com
0

#18 User is offline   Donatella 

  • Senior member
  • PipPipPip
  • Group: Members
  • Posts: 67
  • Joined: 15-September 05
  • Gender:Female
  • Location:Houston TX

Posted 18 March 2008 - 02:51 PM

vorrei precisare che la storia del cane imboccato con la forchetta mi e' stata raccontata direttamente dal capo di tim quando era a cena qua da noi e pensava in questo modo di 'vendermi l'india'.
sono stata io direttamente a chiedergli se non si vergognasse, non ho paura di dire cio' che penso.
la sua risposta e' stata che in quel modo, lui che era ricco aveva la possibilita' di dare uno stipendio a qualcuno che diversamente sarebbe stato disoccupato.
lui e la sua famiglia vivono in 6 in una mega villa e hanno 120 +/- servitori. tra cuochi, guardarobieri, giardinieri, autisti, portinai, baby sitter, persone delle pulizie e guardie del corpo.
120 persone che diversamente non avrebbero un lavoro e uno stipendio.
che dirvi, io sono stata sincera con me stessa ed ho cercato di capire se e come avrei potuto vivere in un paese come questo. e mi sono data la risposta.
non tutti siamo fatti allo stesso modo.
0

#19 User is offline   Claudiaexpat 

  • Senior member
  • PipPipPip
  • Group: Administrators
  • Posts: 6,906
  • Joined: 10-March 04
  • Gender:Female
  • F/M:Female

Posted 18 March 2008 - 06:24 PM

E per fortuna non siamo tutti fatti uguali, Donatella sorcerer.gif sorcerer.gif

Altrimenti non ci sarebbe più confronto, più dialogo, più discussione..... anche se le discussioni a volte si accalorano un pochino wub.gif

Come già ti ho detto io comprendo e rispetto la tua scelta, e ti ringrazio anche per averla condivisa con noi e averci dato spunti per discutere dell'espatrio anche sotto altri punti di vista, che sono comunque interessanti original.gif

In effetti forse, sai, una delle differenze importanti è per chi vai in questi paesi, e per far cosa. Credo che chi, come me, è nell'umanitario, per forza di cose mantiene un profilo basso, e dunque resta in una sfera un pochino più neutra, dove certe brutture come quella di cui parlava il tuo capo sono facilmente evitabili.... immagino che partire con una ditta che ti costringe (e magari costringe anche le moglie accompagnanti huh.gif ) a "far salotto" con un ambiente nefasto non sia il massimo della vita, e non invogli certo a far la valigia sad.gif

Claudiaexpat
claudiaexpat@expatclic.com

1989-90: Sudan / 1990-91: Angola / 1992-94 : Guinea-Bissau / 1995-97: Congo / 1999/03: Honduras / 2003-2009 Perú / 2010 Gerusalemme
Sostieni Expatclic
Il mio sito web personale
0

#20 User is offline   Silviaex 

  • Senior member
  • PipPipPip
  • Group: Members
  • Posts: 2,197
  • Joined: 06-December 06
  • Gender:Female
  • Location:Berlin, Germany
  • F/M:Female

Posted 18 March 2008 - 06:50 PM

No, no, non siamo tutti uguali Donatella e mi dispiace se ti ho dato l'impressione di 'raggrupparti' insieme al signore con 120 servents... Non era quello che volevo dire ad ogni modo.

Pero' vedi, a chi come me, in quei paesi c'e' vissuto, viene un po' di 'rabbia' (concedimelo.. blush.gif ) a vedere come una persona gentile e sincera come te puo' venire fuorviata da chi offre dell'India (o di altri paesi, magari, in altre situazioni simili) un' immagine del tutto fuorviante appunto...

E' chiaro che ti sei sentita 'colpita' da quello che questo signore, con vero pessimo gusto', ti raccontava,
vantandosi dei suoi 120 servants... ma sai, anche questa storia del "io intanto cosi' gli do lavoro'...
non e' proprio cosi semplice...
E' come dire, "si, la mia sguattera ha 9 anni, ma almeno cosi' ha un salario..." perche' poi, se andiamo ad indagare il salario son poche rupie che non bastano neanche a comprare un po' di pane e farina, in cambio di quasi 12-14 ore di servizio...
Molta gente straricca come lui in realta' ci marcia con questa storia e si permette 120 persone a servizio proprio perche' le paga una miseria.

Ma anche questo e' relativo, l'India e' un paese cosi' grande, con cosi tante realta' e credo di non sbagliarmi se dico che persone come questo Mr TIM ce ne sono si, ma meno di quanto si creda.

Esiste la poverta', esiste la miseria, ma e' vissuta con tanta dignita', e in un modo cosi'...indiano' che davvero io consiglio a TUTTI di andare a fare 'un salto' in India prima o poi nella vita. biggrin.gif

Detto cio', non posso che rispettare la tua scelta che rivela saggezza e conoscenza di se'.

A presto smile.gif

Silviaexpat
Redazione di Expatclic.com
silviaexpat@expatclic.com

Personal blog: http://silviadelogu.wordpress.com
1992-93: Siria / 1995-98: Pakistan / 1998-99: India / 1999-00: Germany / 2000-02: Armenia / 2002-05: Pakistan / 2006-2008: Macedonia / 2009: Sudan / 2010: Tanzania / 2011: Berlin, Germany
Sostieni Expatclic
Visita il nostro Sportello Espatrio!
0

#21 User is offline   Donatella 

  • Senior member
  • PipPipPip
  • Group: Members
  • Posts: 67
  • Joined: 15-September 05
  • Gender:Female
  • Location:Houston TX

Posted 18 March 2008 - 07:37 PM

ok... mi ero sentita un po' attaccata!!! blink.gif
purtroppo mio marito e' un consulente per queste mega ditte di magnati dell'acciaio, e spesso ci tocca sopportarci tipi di persone che non saranno mai nostri amici, ma business is business...
anche in brasile, per es. ci siamo trovati in mega alberghi per conferenze e meeting, quando noi invece in vacanza andiamo in posti molto piu' low key e che rispettano un po' piu' la realta' dei paesi.

x silvia: tim e' mio marito, il 'mr. bastard' e' il suo capo!!!

qui a houston la mia situazione e' molto 'normale' ... non abbiamo una mega villa, prima abitavamo in un posto molto piu' 'trendy' ma a me non piaceva, la gente se la tirava troppo (non so se vi ricordate qualcosa dello scandalo enron..... ecco chi ora e' in gattabuia erano i miei vicini di casa......) ma tim aveva preso casa li per me perche' pensava che per me in arrivo dall'italia fosse piu' semplice.

la nostra vita e' stata (e forse lo sara' ancora, ma speriamo in un po' di calma!!!) piena di alti e bassi, quindi dire NO ad un contratto che ci avrebbe sistemato per il resto dei nostri giorni e' stata una decisione presa con molta coscienza.

come avevo gia' detto all'inizio, sono molto NON zen, e non riesco proprio ad appassionarmi alle culture dell'est.
so che la poverta' in india e' vissuta con una dignita' incredibile, tim me ne ha parlato molto, lui sta la un mese si ed uno no (e' partito stamani) ed i suoi 'servants' gli si sono affezionati perche' lui non li tratta assolutamente come se fossero persone inferiori ma con molto rispetto.
0

#22 User is offline   Giuliettaexpat 

  • Senior member
  • PipPipPip
  • Group: Equipe ExpatClic italiana
  • Posts: 1,912
  • Joined: 19-September 06
  • Gender:Female
  • Location:Los altos CA
  • F/M:Female

Posted 19 March 2008 - 01:56 AM

Devo dire che Silvia l'India la disegna in modo tcosi fantastico da farti veramente venir voglia di andarci a vivere...
Giuliettaexpat
Redazione di Expatclic.com
giuliettaexpat@expatclic.com

Francia, Giappone, India, Francia, San Francisco Bay Area California USA
Sostieni Expatclic
Visita il nostro Sportello Espatrio!



Seguite le nostre avventure su http://icerrutiinindia.blogspot.com/
Il mio sito personale: http://www.racontemoiunehistoire.com
0

#23 User is offline   Silviaex 

  • Senior member
  • PipPipPip
  • Group: Members
  • Posts: 2,197
  • Joined: 06-December 06
  • Gender:Female
  • Location:Berlin, Germany
  • F/M:Female

Posted 19 March 2008 - 09:41 AM

Ehm... si, sono matta come un cavallo e sto gia' pianificando con una cara amica inglese un giro in treno 'periplando' la costa sud, da Goa giu' fino a Kerala per poi approdare a... Chennai ...
Pensate, viaggiare in treno, con le nostre figlie, vestite in sari, sotto i ventilatori che gorgogliano nella cabina di 1a classe... biggrin.gif Poi, ad ogni stazione entrano dei venditori ambulanti con delle specie di 'gavette' a piu' piani, di alluminio, che contengono riso, carry, salsette varie... rolleyes.gif

Che meravigliaaa !!

Sai, Donatella, neanche io sono molto Zen, anzi... molto emotiva per chi non lo avesse ancora ehm... sentito... blush.gif ma e' proprio per quello che mi piace pensarmi dentro a un treno che viaggia lento, con la brezzolina tiepida e la gente che fissa il cielo scrocchiandosi le dita dei piedi, non so dire ma... mi rilassa, mi rida' il senso delle cose terrene...

Silviaexpat
Redazione di Expatclic.com
silviaexpat@expatclic.com

Personal blog: http://silviadelogu.wordpress.com
1992-93: Siria / 1995-98: Pakistan / 1998-99: India / 1999-00: Germany / 2000-02: Armenia / 2002-05: Pakistan / 2006-2008: Macedonia / 2009: Sudan / 2010: Tanzania / 2011: Berlin, Germany
Sostieni Expatclic
Visita il nostro Sportello Espatrio!
0

#24 User is offline   Donatella 

  • Senior member
  • PipPipPip
  • Group: Members
  • Posts: 67
  • Joined: 15-September 05
  • Gender:Female
  • Location:Houston TX

Posted 19 March 2008 - 02:05 PM

ehmmmmmm.... no, non e' proprio il mio genere di viaggio.
io sono per la velocita'....
a meno che decida per la bicicletta, allora e' un'altra cosa, ma guido io wink.gif
0

#25 User is offline   Giuliettaexpat 

  • Senior member
  • PipPipPip
  • Group: Equipe ExpatClic italiana
  • Posts: 1,912
  • Joined: 19-September 06
  • Gender:Female
  • Location:Los altos CA
  • F/M:Female

Posted 20 March 2008 - 01:02 AM

bello il tuo viaggio Silvia.... e magari ci incontreremo li'.... chissa'
Giuliettaexpat
Redazione di Expatclic.com
giuliettaexpat@expatclic.com

Francia, Giappone, India, Francia, San Francisco Bay Area California USA
Sostieni Expatclic
Visita il nostro Sportello Espatrio!



Seguite le nostre avventure su http://icerrutiinindia.blogspot.com/
Il mio sito personale: http://www.racontemoiunehistoire.com
0

#26 User is offline   Andrea 

  • New entry
  • Pip
  • Group: Members
  • Posts: 9
  • Joined: 23-April 08
  • Gender:Male
  • F/M:Female

Posted 23 April 2008 - 09:22 AM

dovrei andare in India ad Ahmedabad a lavorare,
mi sto informando, sono preoccupato solo per la vita che potrebbe fare mia moglie,
non è una città cosmopolita come Dehli o Mumbai.
Se avete suggerimenti......
0

#27 User is offline   Claudiaexpat 

  • Senior member
  • PipPipPip
  • Group: Administrators
  • Posts: 6,906
  • Joined: 10-March 04
  • Gender:Female
  • F/M:Female

Posted 24 April 2008 - 02:03 AM

Ciao Andrea, benvenuto tra noi flowers.gif

Immagino che tua moglie sarebbe a seguito suo e senza un lavoro proprio, giusto? Avete figli? Per lei sarebbe il primo espatrio? Dacci qualche elemento in più wub.gif

Ahmedabad (confesso che sono andata a guardare sulla mappa dove si trova esattamente) è pur sempre una città di più di cinque milioni di abitanti.... non so come sia il giro degli espatriati laggiù, ma se tanto mi dà tanto ci dev'essere un bel tot di gente. Sai Andrea, credo che molto dipenda dallo spirito con cui tua moglie affronta questa cosa..... se ti segue volentieri e le piace l'avventura e il fatto di mettersi in gioco, penso che anche se non troverà nella sua città d'accoglienza un grande movimento intorno a sè, riuscirà comunque a trarre del buono dall'esperienza..... Se invece ti segue controvoglia forse una città più internazionale sarebbe andata meglio blush.gif

Dai, raccontaci qualcosa di più.... e poi chissà che si riesca a trovare qualcuno proprio lì con cui tua moglie potrebbe stringere un primo contatto... abbiamo Silvia(expat), la nostra esperta indiana, e qualche contatto a Delhi e Chennai.....

Claudiaexpat
claudiaexpat@expatclic.com

1989-90: Sudan / 1990-91: Angola / 1992-94 : Guinea-Bissau / 1995-97: Congo / 1999/03: Honduras / 2003-2009 Perú / 2010 Gerusalemme
Sostieni Expatclic
Il mio sito web personale
0

#28 User is offline   Andrea 

  • New entry
  • Pip
  • Group: Members
  • Posts: 9
  • Joined: 23-April 08
  • Gender:Male
  • F/M:Female

Posted 28 April 2008 - 03:01 PM

ciao Claudia
ti do qualche informazione in piu':
ci stò ancora lavorando .. sui dettagli lavorativi, ad essere sinceri il mio primo obiettivo era il Brasile, grande sviluppo e
mercato , ma con cultura più simile alla nostra, temo forse un pò di shock di abitudini e culturale in generale specialmente al di fuori delle città cosmopolite come Mumbay e Dehli.
primo espatrio,senza figli..per ora, ma con un cane,
andrò avanti io , credo per circa 6 mesi poi si vedrà
mia moglie verrà a seguito mio, dovrò trovagli un lavoro o un'attività,
o vediamo se c'e' la possibilità di una attività imprenditoriale nostra,
devo ancora informarmi su visto che puo' ottenere mia moglie.
Bye
0

#29 User is offline   Claudiaexpat 

  • Senior member
  • PipPipPip
  • Group: Administrators
  • Posts: 6,906
  • Joined: 10-March 04
  • Gender:Female
  • F/M:Female

Posted 29 April 2008 - 08:20 PM

Guarda Andrea,
per esperienza ti dico che il fatto che uno dei due coniugi vada avanti porta con sè molti vantaggi, non in ultimo il poter "preparare" l'altro coniuge a quello che si troverà davanti..... io ho fatto così due volte, una volta in Guinea Bissau e una in Honduras, mio marito è andato avanti prima (beh, avendo figli a volte è bene accelerare la ricerca di una casa rolleyes.gif) ed entrambe le volte è stato bello perchè quando sono arrivata lui aveva già conosciuto delle persone e aveva creato in loro aspettativa circa il fatto che saremmo arrivati..... noi ci siamo sentiti attesi, e poi avere lui i primissimi giorni che già un filo sapeva come muoversi è stato di grande aiuto.

Ma quindi vai in India per avviare un'attività indipendente, o cominceresti come dipendente per poi metterti in proprio....? Va beh, son curiosità, non devi rispondermi, comunque come mi pare di averti già detto, la convinzione e la motivazione in questi casi giocano già all'80% per la riuscita del progetto d'espatrio. Se tua moglie viene felice, è convinta di seguirti ed è mossa da spirito pratico e senso dell'avventura, non ci saranno problemi (o quasi rolleyes.gif). Altrimenti potrebbe rivelarsi molto dura... ma mai infattibile eh flowers.gif

Claudiaexpat
claudiaexpat@expatclic.com

1989-90: Sudan / 1990-91: Angola / 1992-94 : Guinea-Bissau / 1995-97: Congo / 1999/03: Honduras / 2003-2009 Perú / 2010 Gerusalemme
Sostieni Expatclic
Il mio sito web personale
0

#30 Guest_Annalisa Besso_Invité

  • Group: Invités

Posted 02 May 2008 - 12:38 PM

Concordo in pieno, Claudia, con il fatto che è meglio che uno dei due vada in avanscoperta. anche noi abbiamo fatto così (anche perchè mio marito ha dovuto dare una risposta entro una settimana blink.gif ) e lui ci ha preceduto di due mesi. Così facendo io mi sono sobbarcata il trasloco con container e altra piccole seccature burocratiche mad.gif , ma insomma...sapevo che lui dall'altra parte aveva altrettanti problemi da affrontare. Avendo noi una bimba piccola, ero molto preoccupata della situazione logistica, perchè pensavo che se lei avesse avuto intorno tutte le sue cose da subito si sarebbe ambientata meglio; così ho aspettato a partire fino a quando il container non è arrivato a destinazione. poi però sono entrata un po' in crisi e ho fatto una scenata telefonica a mio marito quando ho saputo che tante delle cose che ritenevo essenziali non erano state fatte.... sad.gif .
Per esempio, dopo due mesi (passati a lavorare, per carità! wub.gif ) ancora non si era informato sulla farmacia, il pediatra e l'ospedale più vicino. so che sembra assurdo, ma io avevo una paura enorme che succedesse qualcosa e noi non sapessimo dove andare....lui è così...a volte a queste cose non ci pensa...quando ho minacciato di ritardare la partenza, allora si è deciso a prendere queste informazioni.
La morale, da parte mia, caro Andrea, è quella di farti fare un elenco di cose su cui tua moglie vuole essere tranquillizzata, o che semplicemente vorrebbe trovare quando arriva....psicologicamente aiuta ad affrontare meglio il tutto!
In bocca al lupo! clover.gif
0

Share this topic:


  • 2 Pages +
  • 1
  • 2
  • You cannot start a new topic
  • You cannot reply to this topic

1 User(s) are reading this topic
0 members, 1 guests, 0 anonymous users